APPLE

Il 25% della musica in USA viene venduto su iTunes Store

L’International Federation of the Phonographic Industry (IFPI) ha annunciato che le vendite di contenuti musicali su iTunes Store individuano una buona fetta del mercato musicale statunitense durante tutto il 2009, nonostante la ancora forte concorrenza delle vendite “tradizionali”, ovvero l’acquisto di supporti (cd, dvd, ecc.) presso negozi fisici.

Il contributo di Apple e del suo store (attraverso il quale avvengono il 69% delle vendite online) ha permesso all’azienda stessa di aumentare dell’1,1% le vendite interne di contenuti musicali e del 9,2% le vendite digitali a livello internazionale, portando a 4,3 miliardi di dollari il valore del settore musicale su scala globale.

Nonostante la forte spinta che Apple applica in tale direzione, il settore musicale in toto non riesce a superare la crisi; si parla di una caduta del 7,2%, stimata attorno ai 17 miliardi di dollari, una cifra da capogiro. Del resto, che il settore musicale fosse in crisi non è una novità: dal 1999 ad oggi, anno dopo anno, il trend è sempre stato negativo. Secondo la IFPI, uno dei “più grandi ostacoli” che ha favorito la crisi del settore musicale è la pirateria (on-line e non).

La speranza è che le misure cautelative messe in atto da tutti gli stati nazionali nei confronti di chi infrange i diritti di copyright possano risollevare i profitti e trascinare il mondo della musica lontano da questa crisi decennale.

potrebbero interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.