I tablet mandano i netbook in soffitta

rip-netbook

Questa settimana due delle compagnie che più avevano creduto nei Netbook in mini-formato di computer portatile Asus e Acer chiudono le catene di produzione. A darne ufficialmente notizia è il Guardian.

I netbook sono portatili con schermo di dimensioni ridotte: generalmente tra i 7 e i 12,1 pollici, con disco rigido tra i 4GB e i 320GB, senza lettore ottico, destinati soprattutto alla navigazione in Internet pensati soprattutto per un pubblico non professionale o con particolari esigenze di mobilità. Il prezzo dei netbook è sempre stato estremamente contenuto.

Asus, che aveva lanciato l’Eee PC nel 2007, ha annunciato che non produrrà più i piccoli computer portatili da oggi in poi, e Acer, allo stesso modo, non intende creare nuovi modelli di netbook. Le ragioni dell’insuccesso dei netbook sono molteplici: la sempre maggiore diffusione degli ultrabook, i margini ridotti derivanti dalla vendita di netbook, e gli avversri più temibili: i tablet, come iPad, che permettono una esperienza di utilizzo più semplice e piacevole di quella di un netbook.

Anche Steve Jobs, all’epoca del lancio del primo iPad dichiarò:

“Se c’è una terza categoria di dispositivi deve essere migliore a fare certe cose rispetto ad un laptop o uno smartphone; altrimenti non ha ragione di esistere. Alcuni hanno detto: ‘È il netbook!’ Il problema è che i netbook non sono migliori a fare niente. Sono lenti, hanno display di bassa qualità, e fanno girare vecchio software per PC. Non sono meglio di un laptop, solo costano di meno. Sono solo laptop economici. E noi non pensiamo che siano una terza categoria di dispositivo”.

[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.